L’età giusta per sposarsi?

Convolare a nozze: qual è l’età giusta per sposarsi?

Secondo un recente studio condotto dal sociologo N. H. Wolfinger, presso l’Università di Utah, è stato scoperto che l’età ideale per sposarsi dovrebbe essere quella intorno ai 26 anni di età. Ciò è stato reso possibile incrociando dati e abitudini delle persone nelle diverse fasce d’età, e sembrerebbe che quella intorno ai 26 anni sia perfetta poiché le decisioni sarebbero dettate da sentimenti più concreti e affidabili, ponendoci in condizione di compiere azioni e promesse dovuti a slanci di fiducia verso l’altra persona. In realtà, non esiste l’età perfetta: l’amore può arrivare a qualsiasi età, e non c’è mai limite alla volontà di voler consolidare il rapporto amoroso con il rito più unico e meraviglioso di sempre: il matrimonio.

L’amore non ha età: come cambiano gli sposi nelle diverse fasce d’età

A differenza dei tempi passati, oggigiorno non è inusuale festeggiare un matrimonio di persone anche più avanti con gli anni rispetto a quelli che erano gli standard dei nostri nonni: gli sposi non necessariamente devono essere giovanissimi, l’importante invece sarà proprio il valore che si darà all’amore. Ecco come cambiano i diversi stadi dell’amore matrimoniale, a seconda dell’età in cui si sceglie di compiere il grande passo:

Quando ci si sposa a venti anni

Al giorno d’oggi, i matrimoni celebrati tra i ventenni sono veramente più unici che rari: ciò è dovuto ai tempi allungati per ottenere un’indipendenza economica e lavorativa, dettata dai percorsi di studi sempre più lunghi e l’autonomia sempre più complessa da raggiungere interamente. L’amore a venti anni è certamente contraddistinto dall’energia giovanile della coppia, speranzosa nel futuro e passionale.

Quando ci si sposa a trenta anni

Quasi concorde con la teoria dell’Università di Utah, sposarsi intorno ai trent’anni sembrerebbe essere l’età ideale per questo importante passo. Infatti, la coppia di sposi è pienamente consapevole delle proprie azioni e dovrebbe aver già raggiunto un certo punto di indipendenza lavorativa e finanziaria in grado di permettergli di poter affrontare questa situazione. Generalmente il matrimonio a quest’età è una conseguenza naturale di una previa convivenza, e sarà contraddistinto dalla consapevolezza e dell’amore sincero.

Quando ci si sposa a quaranta anni

Gli sposi dei quaranta anni generalmente hanno avuto una lunga convivenza alle spalle, e la calma e la stabilità di coppia raggiunta in questi anni potrebbe aver generato il giusto clima per poter permettersi di sposarsi in piena autonomia e sicurezza dei sentimento reciproci. Essendo un matrimonio di maturità, sarà più che altro un modo per poter sigillare per sempre la promessa d’amore, e consolidarlo con un evento in grado di poter riunire gli affetti più cari.

E se l’amore e il matrimonio arriva dopo i cinquanta anni…

L’amore non ha età, e al giorno d’oggi è possibile che ci si sposi anche dopo i cinquanta anni: può essere una scelta per consacrare un amore che non ha ritenuto necessario farlo prima, oppure può essere dovuto anche a un amore imprevisto, passionale e impetuoso che ci ha travolti e trasformati. Festeggiare un amore, vecchio o nuovo, è sempre una buona idea!