Trasferirsi alle Isole Canarie

Le Canarie sono un paradiso contemporaneo per molte ragioni.

Sono delle isole meravigliose, in cui, come si dice, è sempre primavera, al riparo da avversità climatiche e ambientali, e in cui moltissime persone, sia giovani che meno giovani, decidono di trasferirsi.

Il fascino del mare, degli sport acquatici, di una vita al caldo è sicuramente molto forte, ma ancora più irresistibile è l’attrazione per un luogo in cui la pressione fiscale e la tassazione sono davvero contenute.

Per questo motivo moltissimi ragazzi italiani decidono di cercare lavoro alle Canarie e negli ultimi anche molti pensionati si trasferiscono in questo bellissimo arcipelago per vivere gli ultimi anni della propria vita serenamente.

 

Trasferirsi alle Canarie, i vantaggi

 

I vantaggi sono essenzialmente due: un costo della vita sicuramente più basso rispetto agli altri paesi europei, Italia compresa, e una tassazione molto ridotta.

Chiaramente si tratta di diritti di cui gode chi si trasferisce stabilmente nell’arcipelago, spostando la propria residenza qui.

In ogni caso bisogna tener conto che, se si decide di trasferirsi, alcuni bene che resteranno in Italia, saranno soggetti a una pressione fiscale più pesante, la prima casa ad esempio diventerà una seconda casa con tasse da pagare molto più alte.

Per questo sarà bene sempre consultare il proprio commercialista per valutare la situazione e avere tutte le informazioni necessarie.

D’altro canto, se pensiamo che queste isole sono un angolo di paradiso in cui la temperatura non scende mai al di sotto dei 15 gradi e non sale mai sopra i 30, già ci rendiamo conto che non dovremo mai preoccuparci di accendere il riscaldamento, di acquistare piumoni e cappotti e affrontare tutte le noie del gelo che attanaglia anche il nostro Paese durante i mesi invernali.

Parentesi a parte per le calamità naturali: qui non esistono terremoti e nemmeno tsunami. Un paradiso insomma.

Poi ci sono i vantaggi economici, sicuramente non di poco conto.

Un pensionato italiano che si trasferisce alle Canarie e prende 800 euro di pensione, qui può vivere spendendo davvero poco.

Le utenze costano meno e hanno un’IVA più contenuta e la pressione fiscale, in generale, è davvero ridotta.

 

Come trasferire la pensione alle Canarie, i documenti

 

Vediamo in dettaglio, a questo punto, l’iter burocratico necessario a trasferire la pensione alle Canarie.

L’iter va avviato, naturalmente, in Italia, comunicando, per prima cosa, all’INPS o altro ente che intendete lasciare l’Italia e andare a vivere altrove.

Quando sarete in Spagna, bisognerà procedere al cosiddetto Empadronamiento, ovvero l’Anagrafe italiana, quindi dovrete andare all’Oficina de Ayuntamiento, sarebbe a dire l’ufficio comunale del posto in cui andate a vivere e consegnare tutta la docuemntazione necessaria.

I documenti che vi saranno richiesti sono:

  •  il Formulario de Alta Individual o Clectivo ovvero il modulo per la richiesta
  •  la fotocopia del documento di identità,
  •  un contratto di affitto o una dichiarazione del locatore che conferma la vostra residenza o, nel caso si abbiano dei familiari alle Canarie, una copia del “libro de familia”.

A questo punto l’Empadronamiento conferma la vostra residenza sul territorio spagnolo, emettendo un documento che presenterete al consolato per avviare le procedure necessarie, tra cui l’iscrizione all’AIRE (l’anagrafe degli stranieri), l’eventuale richiesta di sussidi sociali e agevolazioni varie.

Importante anche il NIE alle Canarie, cioè il Numero de Identificaciòn de Extranjero.

Questo codice è il nostro codice fiscale ed è identificativo.

Viene rilasciato assieme al certificato di residenza (certificado de registro) che si richiede all’ufficio preposto di una stazione di polizia.

Anche qui occorrono documenti precisi:

  •  il NIE
  •  la ricevuta di pagamento della tassa
  •  la fotocopia di un documento di identità
  •  fotografie formato tessera
  •  il CUD in spagnolo

A volte può essere richiesto anche il documento S1 o E121, emesso dalla sanità italiana per la copertura in Spagna.

documenti per le canarieLa residenza alle Canarie scatterà dopo sei mesi dall’iscrizione all’anagrafe degli stranieri.

Da questo momento si può richiedere che la propria pensione venga trasferita in Spagna, con la relativa pressione fiscale.

Si prevede un periodo di assestamento, che significa che per circa due anni la vostra pensione potrebbe essere tassata in Italia e in Spagna, con la conseguenza di dover richiedere il rimborso delle tasse.